Pages

Tuesday, October 30, 2012

Fine delle vacanze, neve e ospiti indesiderati

Questo fine settimana lo abbiamo passato in Italia. Come spesso siamo scesi in macchina, e il marito previdente aveva previsto le gomme invernali. Per fortuna!
Partiti con l'idea di mettere la macchina sul treno al Sempione, siamo arrivati con largo anticipo in stazione a Iselle. Non faceva caldissimo, ma non pioveva, neanche un po' e in lontananza non sembrava poi così brutto.
Allora siamo passati dicendoci che tanto valeva continuare in macchina. Già.

Un dubbio c'è venuto quando il 4x4 davanti a noi, uno di quelli seri, ha biforcato per andare in stazione.

Ben dopo la frontiera svizzera ha iniziato a nevicare, e la strada è diventata direttamente bianca. Ok, non era una nevicata terribile, avevamo le gomme da neve e il marito è più rilassato di me in queste condizioni atmosferiche. Però c'erano gli altri.

Quelli che non avevano le gomme da neve e te li ritrovavi fermi dietro a una curva perchè non riuscivano più a ripartire. Quelli che andavano a 5 km/h al limite di spegnimento del motore. Quelli che si stavano facendo un giretto sul carro attrezzi.

E poi anche gli altri. Quelli che con una temperatura sotto zero, una visibilità compromessa dal meteo, e una distanza di frenata quadrupla del solito (il marito ha testato) decidevano che a 50 km/h la distanza di sicurezza necessaria era un mezzo metro scarso. Quelli che visto che la velocità limite è 80 km/h non c'è motivo di andare più piano. Però devo dire che erano pochi.

E siamo arrivati giù interi. Anche prima dell'arrivo del treno, per ben 10 minuti. Ode al marito, io sarei ancora lassù.

Lunedì abbiamo ricominciato la routine, e tra il giretto italico, il cambio di temperatura (ci siamo svegliati sotto zero e settimana scorsa era primavera) e il cambio dell'ora io ero già un po' sfasata (lo so sono vecchietta), ma stranamente non così tanto.
Probabilmente che è per questo che il destino ha deciso di sfoderare un'ultima carta: pettinandomi ho scoperto tra i capelli una bestiolina. Un rapido giro su internet ha confermato: pidocchi.
Ecco, vi lascio immaginare la mia faccia.
Il mio lunedì è passato tra farmacia, olio su capelli, shampoo mio e della pulcina (che non aveva niente che si muoveva, ma solo ledini), pulizia minuziosa dei capelli con pettinino apposito, e pulizia della casa: tutto a 60 in lavatrice, o in congelatore, oppure fuori per la notte (almeno ho trovato un vantaggio alle temperature gelide).
Pare ci siano parecchi bambini che li hanno scoperti durante le vacanze. Io ne avrei fatto volentieri a meno!

10 comments:

  1. Inconvenienti del mestiere.
    Di mamma!

    ReplyDelete
    Replies
    1. In effetti... quasi una malattia professionale :-)

      Delete
  2. Eccccccome ti capisco..... Brrrrrr

    ReplyDelete
    Replies
    1. Pensa che sono andata a rileggermi quello che avevi scritto tu sull'argomento :-)

      Delete
  3. Oddio i pidocchi... l'incubo dei miei sei anni che ritorna...
    me li attaccò la mia compagna di banco alle elementari... e ricordo ancora con le lacrime la seduta dal parrucchiere! A quei tempi usava " tagliare i capelli cortissimi " prima di iniziare l'odiato trattamento per toglierli... e io li avevo lunghi fino al sedere prima " della potatura"!
    Che tragedia che fu per me!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh mamma, i capelli cortissimi, povera! Io invece da piccola non li ho mai presi, pensa un po'. Però devo ammettere che per fortuna sia io sia la pulcina abbiamo i capelli piuttosto corti, molto più facile così che non dover pettinare ciocca per ciocca capelli lunghissimi.

      Delete
  4. Per fortuna non li ho mai provati, ma non deve essere affatto una cosa piacevole.. :(

    ReplyDelete
    Replies
    1. No, anche se bisogna relativizzare: non portano malattie e non sono sporchi, alla peggio danno un po' di prurito, a volte neanche quello. Insomma c'è di peggio...

      Delete
  5. pensavo che i pidocchi fossero instinti :(

    ReplyDelete
    Replies
    1. Benvenuta! No qui sono vivi e vegeti ci sono pure le epidemie, e la scuola distribuisce fascicoletti ai genitori.

      Delete